LA CITTÀ NEL BASSO MEDIOEVO

Mentre le antiche città romane venivano costruite tutte secondo lo stesso modello, le città medievali presentavano forme diverse a seconda del territorio e dello sviluppo più o meno veloce che avevano conosciuto. C'erano città allineate lungo una strada, città sorte intorno un castello, un’abbazia, una cattedrale, città dove tutte le strade convergevano verso un centro, città regolari perché frutto di una fondazione programmata.
Oltre alle mura, elementi comuni e caratteristici delle città medievali erano.
- la presenza di una cattedrale,
- il mercato,
- i palazzi del potere civile.

Spesso questi tre elementi, che rappresentavano i centri politici e di potere all’interno della città, si svilupparono intorno ad altrettante piazze. Altre volte, invece, era presente un’unica piazza dove convivevano le autorità politica e religiosa.

Cartina di Firenze.jpg
Il centro storico di Firenze con i tre centri della vita cittadina: politico (Piazza della Signoria), religioso (Piazza Duomo), e mercantile (la Loggia del Mercato Nuovo)
stadplan-top10.jpg
A Bressanone, invece, i simboli del potere si raccolgono attorno ad un'unica piazza. Vi siete chiesti perché?


Per l’uomo medievale una città non poteva dirsi veramente tale se non era sede di un vescovo.
Si distingueva dalla campagna per la presenza di mura che salvaguardava i cittadini dai pericoli esterni e, al tempo stesso, ne limitava, quando era opportuno, la libertà di uscire. Per questo motivo, ogni volta che la popolazione urbana aumentava, le mura dovevano, prima o poi, essere allargate per accoglierla. Il tracciato delle diverse cerchie di mura si può ancora riconoscere esaminando la piantina di alcuni centri urbani.
mura milano 2.jpg
In questa pianta di Milano risalente al XVIII secolo si vedono la cerchia più esterna di mura, costruite nel XVI secolo, e al suo interno le mura medievali.

foto tratta da http://www.storiadimilano.it/citta/mappe/mappe.htm

Le porte della cinta muraria mettevano in comunicazione città e territorio, ma permettevano anche di controllare il movimento di uomini e merci.
Sotto il profilo sociale, la società urbana era complessa: comprendeva nobili, ricchi, poveri, mercanti, artigiani, bottegai, professionisti, salariati, vagabondi, disoccupati.
Dal punto di vista economico, si presentava distinta dal territorio circostante per la presenza non solo di attività mercantili e artigianali, ma anche di mercati e fiere.
La piazza pubblica accoglieva nello stesso ambiente le assemblee generali e le manifestazioni del popolo, il mercato, le cerimonie, le comunicazioni ufficiali da parte dell'amministrazione comunale, i tornei e le giostre militaresche. La piazza era il centro economico, politico e sociale della città, dove veniva amministrata anche la giustizia cittadina.

Testo adattato da
http://www.mondimedievali.net/Medioevoquotidiano/citt%C3%A001.htm#cit

indice

Qui puoi scaricare il file in formato .rtf



Oppure puoi ascoltarne la sintesi vocale