La parola miniatura deriva da “minium”, un termine usato già in epoca latina per indicare un tipo di colore rosso, usato soprattutto per scrivere le lettere iniziali o i titoli dei rotoli di papiro.
Quindi all’inizio “miniare” significava scrivere con il colore rosso, ma più tardi la parola miniatura indicò la decorazione o l’illustrazione di un testo scritto.
Le più antiche forme di decorazione riguardavano la lettera iniziale di una pagina (o capolettera), che poteva essere decorata da intrecci vegetali, o da disegni di animali, e più tardi raccolse al suo interno intere scene e immagini.

Un capolettera decorato con motivi vegetali.
Un capolettera decorato con motivi vegetali.


Una scena inserita in un capolettera.
Una scena inserita in un capolettera.

Le fasi di preparazione di un manoscritto in uno “scriptorium” medievale erano cinque: prima si procedeva a preparare la pergamena, poi si rigava con un punteruolo per dare un tracciato regolare alla scrittura; lo scrittore scriveva poi il testo, lasciando libere le parti riservate alla decorazione, quindi interveniva il miniatore, infine il codice veniva rilegato.
Per eseguire i loro piccoli capolavori i miniatori utilizzavano colori di origine naturali, spesso ricavati da sostanza preziose. L’oro era realizzato utilizzando vera foglia d’oro, cioè una lamina d’oro sottilissima, che veniva incollata sul foglio di pergamena con leganti naturali come l’albume d’uovo. L’azzurro si otteneva con due minerali, il prezioso lapislazzuli e la meno preziosa – ma comunque costosa – azzurrite. Il rosso era estratto da alcune piante, come la robbia, da minerali (il minio) o da un insetto, la cocciniglia (cremisi); il giallo soprattutto dallo zafferano mischiato con l’albume d’uovo, il verde dalla miscela tra questo giallo e l’azzurrite usata per produrre il blu, oppure dall’utilizzo del verderame – un prodotto dell’ossidazione del rame.
I colori, nella miniatura come nella pittura, avevano un significato simbolico: l'oro e il blu erano simboli del paradiso, della santità, per questo gli sfondi delle scene sacre erano oro o blu e blu erano il manto della Madonna o, come nella miniatura qui sotto, la veste di Gesù.

La lavanda dei piedi in una miniatura francese.
La lavanda dei piedi in una miniatura francese.

Il giallo era il colore del male, dell'inganno, della menzogna, dell'esclusione: portavano abiti gialli le prostitute, un cappello giallo gli ebrei, una tunica gialla Giuda Iscariota, il traditore per eccellenza, come in questo affresco di Giotto.

Il bacio di Giuda (Giotto, Padova, cappella degli Scrovegni).
Il bacio di Giuda (Giotto, Padova, cappella degli Scrovegni).


Molti di questi colori, ma soprattutto l’inchiostro nero che veniva usato per la scrittura, erano acidi e col tempo potevano arrivare a corrodere o bucare la pagina.
I più bei codici miniati che ci sono pervenuti risalgono al XIV e XV secolo e furono eseguiti per principi, re e signori, come il Libro delle ore (una specie di libro delle preghiere quotidiane) del duca di Berry di cui puoi vedere un'immagine qui sotto.

L'Ascensione, miniatura delle Très riches Heures du duc de Berry (1412-1416).
L'Ascensione, miniatura delle Très riches Heures du duc de Berry (1412-1416).


torna indietro

indice

Qui puoi scaricare il file in formato .rtf


Qui puoi ascoltarne la sintesi vocale.